Nello studio del filosofo

Nello studio del filosofo professionista si svolgono varie attività legate da un comune denominatore: la filosofia intesa come processo e pratica volta alla chiarificazione della propria visione del mondo, alla ricerca del senso dell’esistenza e alla consapevolezza.

Nella CONSULENZA FILOSOFICA la filosofia accompagna l’ospite in un percorso teso alla ricostruzione, all’arricchimento, ad un’articolazione più ricca del quadro dell’esistenza attraverso una rimessa in questione ed un vaglio critico dei presupposti, dei valori, dei principi che sono alle base del proprio modo di vedere il mondo e affrontarlo.

La concretezza è ciò che contraddistingue la consulenza filosofica: non si teorizza e non si dialoga sull’astratto. Non si tratta quindi di discutere le relazioni, l’etica, l’esistenza, i valori genericamente intesi, bensì quella relazione che sembra non funzioni, quel principio etico che si inizia a percepire come inadeguato, quell’ambito dell’esistenza che avvertito come problematico scompiglia la nostra quotidianità, disorientandoci.

Nei LABORATORI la filosofia viene invece sperimentata singolarmente o in piccoli gruppi per soddisfare l’esigenza di riflessione a partire da un “pretesto” tematico o da un’occasione creata ad hoc. Può trattarsi di caffè filosofici, dialoghi socratici, comunità di ricerca, o attività che comunque non presuppongono nessuna conoscenza propedeutica della filosofia intesa come “teoria”. In tali contesti non è necessaria una preparazione filosofica, nessuno sarà mai “interrogato” su Platone o Kant ma al contrario ognuno porterà il suo personale contributo di riflessione.